TEATROALLASCALA


Teatro alla Scala di Milano. Alessandra Ferri e Federico Bonelli. Foto Brescia-Amisano. Teatro alla Scala di Milano. Alessandra Ferri e Federico Bonelli. Foto Brescia-Amisano.

L’orchestra è collocata in palcoscenico, sul fondo. La sua buca è stata chiusa per offrire maggior spazio di azione ai danzatori che si muovono anche in proscenio. Il pubblico è distanziato  ampiamente e mascherato secondo le regole anti-covid, mentre i danzatori, tamponati precedentemente e negativi, ne sono finalmente privi. Ecco la ripartenza della Danza alla Scala. Con queste direttive la serata potrebbe sembrare fredda e rigida. Invece il Gala offre momenti di danza di grande emozione, riuscendo a far dimenticare il difficile momento. Lo spettacolo decolla dal secondo brano presentato, la novità creata per l’occasione dal coreografo Mauro Bigonzetti. Do a Duet è un passo a due femminile interpretato da Antonella Albano e Maria Celeste Losa. Due fisicità diverse che si compenetrano con ritmo dialogando meravigliosamente con l’orchestra. Poco adatto, invece alla serata così concepita, è il passo a tre tratto dal Corsaro, portato in scena da Martina Arduino, Marco Agostino e Federico Fresi, che ha anche risentito della lunga pausa. Chi, invece, è riuscito a calarsi con grande maestria nel personaggio, regalando al pubblico uno dei pezzi più belli della serata, è stato Claudio Coviello, nell’assolo che Rudolf Nureyev creò per se stesso nella sua versione della Bella Addormenta. Solo, al centro della scena, circondato dai musici, ha offerto una esecuzione struggente e d’alta classe. Frizzante è stato l’omaggio a Zizi Jeanmaire, recentemente scomparsa. E non tanto per il pezzo, la Carmen firmata da Roland Petit, rappresentata dalla  celebre scena “della stanza”, quanto dall’intenso dialogo ben costruito dei due interpreti, Nicoletta Manni e Timofej Andrijashenko. Segue l’ étoile Svetlana Zakharova nella Morte del cigno, già presentata alla Scala. Brano che meriterebbe una lettura più morbida. Poi ecco Alessandra Ferri che con Federico Bonelli, principal al Royal Ballet, si prende la scena dell’intera serata. Danzano nel celebre passo a due tratto da Le Parc di Angelin Preljocaj. E’ una costruzione perfetta per i due interpreti, che ne sanno esaltare tutte le componenti, dolcezza, sensualità, aristocrazia – siamo nei giardini di Versaille. Un bel ritorno della Ferri alla Scala. Roberto Bolle ha poi chiuso la serata alzandone la temperatura con il suo Bolero, di particolare efficacia perché direttamente in relazione con il pubblico e non con il direttore d’orchestra, come Béjart l’aveva concepito. Ma allora, alla prima, in scena c’era una donna, la sensuale Dufka Sifnios.

Aurora Marsotto 

Stampa |

Invia a un amico





Invia a un amico

Lascia un commento

xxx