PICCOLO TEATRO


Presentata la nuova stagione per i 70 anni del teatro Strehler. Presentata la nuova stagione per i 70 anni del teatro Strehler.

Si è inaugurata lo scorso 6 maggio (la data esatta della fondazione del Piccolo Teatro di Milano, allora Teatro D’Arte fu il 14 maggio 1947) la lunga stagione che celebra i 70 anni del sogno di Giorgio Strehler e di Paolo Grassi. Un sogno divenuto una realtà italiana ed europea che agisce oggi su tre palcoscenico milanesi, Teatro Grassi il primo, Teatro Strehler il secondo e più ampio, Teatro Melato il più intimo. Tre sale, una scuola la Luca Ronconi, e un gruppo inossidabile di operatori di tutti i settori teatrali guidati con ferma e simpatica mano da Sergio Escobar. Lunga e interessante è stata la celebrativa programmazione. Ancora da ammirare sino al 30 giugno in Via Dante le 50 storiche gigantografie e le 500 video proiezioni”random” dei 70 anni del Teatro sui muri dello Strehler. In autunno ancora qualche significativo appuntamento, oltre alla programmazione consueta, come gli incontri per Fiorenzo Carpi, l’anima musicale, che ha scritto per un centinaio di spettacoli, e quello dedicato a Paolo Grassi. E ancora, una attrice storica, Giulia Lazzarini, in Emilia dal 17 ottobre al Grassi, la Vanoni in concerto il 28 ottobre allo Strehler e il Giardino dei Ciliegi nella messa in scena di Lev Dodin. E poi le visite guidate per i ragazzi al dietro le quinte di un Teatro, ricco di quella magia che aveva già ghermito i ragazzi Strehler e Grassi, i quali subito dopo la fine della guerra, nel ’47, avevano pensato di trasformarla in qualcosa di concreto aperto a tutti e per tutti coloro che volevano sognare e pensare. E ancora oggi il “loro” cubo magico “alla terza” svela ogni sera una storia diversa da portarsi a casa e da custodire per sempre. La scommessa vinta da Strehler e Grassi è anche racchiusa negli ultimi conti del Teatro, sempre più pubblico e sempre più affezionati tra i giovani.

Stampa |

Invia a un amico





Invia a un amico

Lascia un commento

xxx