DANZA&DANZA


Festival MiTo. TorinoDanza. Gala del Premio Danza&Danza. Festival MiTo. TorinoDanza. Gala del Premio Danza&Danza. Timofej Adriashenko. Foto Viola Berlanda.

All’interno di MiTo e all’interno di TorinoDanza, edizione 2017, si è svolto a Torino nella cornice del Teatro Carignano il Gala del Premio Danza&Danza, la rivista inventata da Mario Bedendo e da qualche anno rivisitata e diretta con piglio contemporaneo da Marilù Buzzi. E’ ancora lei con la sua schiera di collaboratori a individuare gli emergenti della nuova danza, i coreografi e le produzioni che si sono fatti notare durante l’anno 2016. Per spettacoli il classico Lago dei Cigni di Ratmansky presentato dalla Scala e i contemporanei ex equo, Three di Ohad Naharin con la Batsheva Dance Company e Biophony per la coreografia di Alonzo King, con la sua compagnia. Poi ecco gli interpreti consolidati: Iana Salenko, prima ballerina dello Staatsballett Berlin, Rosario Guerra della Gauthier Dance, Timofej Andrijanshenko della compagnia della Scala e Denis Rodkin, primo ballerino del Teatro Bol’šoj. Premiati i giovani che si sono distinti, Susanna Salvi del Corpo di Ballo dell’Opera di Roma, Alessandro Staiano, del Corpo di Ballo del Teatro San Carlo di Napoli e Martina Arduino del Teatro alla Scala di Milano. Marco Goecke è il coreografo premiato, mentre Bliss, ha ricevuto il premio come miglior produzione italiana e un premio anche ai danzatori all’estero, i migliori, Jacopo Bellussi che danza all’Hamburg Ballet e Dario Rigaglia ai Ballets C. de la B. Il premio alla carriera è andato a Cristina Bozzolini, fondatrice del grande Balletto di Toscana e direttrice poi per anni dell’Aterballetto, mentre il palmares in memoria del critico del Corriere della Sera Mario Pasi per la diffusione della cultura della danza, è stato attribuito a Nexo Digital, per le dirette al cinema con il Royal Ballet. Una bella festa dunque, applauditissima, ma di quelle faticose da costruire e da portare a termine, che però appagano per l’entusiasmo del pubblico, per la gioia dei ragazzi di danzare in una serata tutta per loro. E allora ecco presentata da Francesca Pedroni la serata che ha visto Timofev Andrijanshenko , il più applaudito nella coreografia della Frassinelli, ben accolto naturalmente anche l’estratto da Bliss e Dario Rigaglio, ottimo il Nijinskij del napoletano Rosario Guerra, e il passo a due presentato dalla compagnia Batsheva. Un format questo Gala che sarebbe graditissimo su più piazze italiane, anche per diffondere l’eccellenza e quindi formare un pubblico competente. Attorno al Gala si dipana in queste settimane TorinoDanza , l’importante manifestazione autunnale che si è aperta con Roméo et Juliette di Angelin Préliocaj e che presenta sino al 1 dicembre compagnie internazionali con brani firmati anche da Trisha Brown, Hans van Manen, Lucinda Childs, Jiri Kylian, Nacho Duato, Hofesh Shechter, Cristiana Morganti, Emio Greco, Ohad Naharin.

www.danzaedanzaweb.com
www.torinodanzafestival.it

Stampa |

Invia a un amico





Invia a un amico

Lascia un commento

xxx