TORINODANZA 2019


TorinoDanzaFestival 2019. TorinoDanzaFestival 2019. Sutra di Sidi Larbi Cherkaoui.

Quest’anno l’apertura del Festival TorinoDanza, edizione 2019, è stata affidata al coreografo belga Sidi Larbi Cherkaoui, che ha offerto per la prima serata la 250° replica dell’acclamato spettacolo. Andò in scena la prima volta al Sadler’s Wells di Londra nel 2008. Inserito in MitoSettembreMusica, si intitola Sutra ed è danzato con il gruppo dei monaci cinesi Shaolin e -occasione rara, ma l’anniversario era importante- con lo stesso coreografo nei panni del visitatore occidentale. Sutra, in sanscrito filo, è il suo viaggio nel mondo Shaolin dove le pratiche kung fu e tao chi unite alla meditazione buddista portano il gesto a una particolare elaborazione della forza mai fine a se stessa. L’occidentale curioso che vuole costruire legami con il mondo orientale è lo stesso tenero Sidi catapultato in un panorama ligneo dove 16 casseforme, multipli di Antony Gormley che firma anche le luci, ricreano uno spazio sempre diverso, sempre vibrante, ma poco aperto al visitatore. Questo è il mondo Shaolin dove una ventina di guerrieri e due adepti di soli 8 anni raccontano la loro giornata fatta di allenamenti e tanta meditazione comune. Tengono, forse per una naturale gentilezza, un capo del Sutra, e al loro tradizionale corto kimono sovrappongono anche una giacca occidentale, ma è una breve frazione, il nostro mondo sembra interessar molto meno che al nostro viaggiatore il loro, ma noi siamo degli inguaribili curiosi. Differente è l’unione con l’universo irlandese nel successivo appuntamento, un lavoro a quattro mani sempre di Sidi Larbi Cherkaoui con Colin Dunne, presentato il 19 e 20 settembre al Teatro Carignano. Si intitola Session e appartiene come il precedente al suo vagare coreografico da una cultura all’altra. Altro importante appuntamento sarà con il coreografo Akram Khan e il suo Xenos, lavoro commissionato dagli inglesi per commemorare il centenario della Prima Guerra Mondiale. Andrà in scena con musica dal vivo il 25 e 26 settembre alle Fonderie Limone di Moncalieri. Sullo stesso palcoscenico della Sala Grande arriva dal Belgio, per la prima volta a Torino, Lisbeth Gruwez il 9 e il 10 ottobre. Lo spettacolo The sea Within, si compone di due brani, il primo corale interpretato dal suo gruppo tutto al femminile e si chiude con il suo assolo. La rassegna articolata con molti altri spettacoli presentati anche da autori italiani (ai quali rimandiamo al sito) si chiude il 26 e 27 ottobre sempre a Moncalieri con Kamuyot, un brano firmato dal coreografo Ohad Naharin per i giovani della compagnia Batsheva.

www.torinodanzafestival.it

Aurora Marsotto

Stampa |

Invia a un amico





Invia a un amico

Lascia un commento

xxx