MTM-TEATROLITTA


Cyrano. Teatro Litta di Milano. Foto Federica Frigo Cyrano sulla luna. Teatro Litta di Milano. Foto Federica Frigo.

La Luna per Luca Chieregato, autore di Cyrano sulla Luna, in scena al Teatro Litta di Milano sino all’11 febbraio, è molto curiosa degli abitanti della Terra e dei loro sentimenti. Incalza Cyrano sui suoi abitanti e sulla rappresentazione della loro vita attraverso il Teatro e quindi sulla verità e naturalmente sulla finzione. E chi può parlarne meglio di Cyrano delle sue lettere d’amore per Rossana, ma convogliate attraverso Cristiano. Quindi si parla dell’amore e della paura di esso, del quale Cyrano è un esempio. Gioco teatrale interessante sulle scene di quel gioiello aristocratico che è il Teatro Litta di Milano. Anna Bertolotti, autrice delle scene mirabili e essenziali, vi dona con precisa misura il fascino della fantasia. Gli spettatori sono subito proiettati in uno spazio affascinante. Potrebbe sembrare irreale, ma ci pensa Pietro De Pascalis, a tenere tutti aggrappati alla realtà dei sentimenti. Attore di presenza significativa, sa modulare in mille sfumature il dialogo con la Luna e con il pubblico. E’ un Cyrano, di tempra, poco sognatore e parecchio pavido nell’amore, meno nei duelli. Ma vero. De Pascalis firma la regia con lo stesso autore, Luca Chieregato. La messa in scena suggerisce il capolavoro di Cyrano de Bergerac, precursore della letteratura fantascientifica, L’altro mondo o gli Stati e gli Imperi della Luna e il suo celebre carteggio, ma anche alcuni momenti essenziali della sua breve vita. Il tutto ben inanellato e contenuto nello spazio tra Luna e Terra, ma perché quindi aggiungervi note musicali, quando la potenza della parola sa evocare ugualmente e a volte meglio la musica dei sentimenti?

Stampa |

Invia a un amico





Invia a un amico

Lascia un commento

xxx