ROMEO E GIULIETTA 1


Roberto Bolle e Alessandra Ferri. Roberto Bolle e Alessandra Ferri. Nel Romeo e Giulietta di MacMillan.

Si è inaugurata la nuova stagione del Ballo alla Scala con un titolo amatissimo, Romeo e Giulietta sulla partitura di Prokoviev e coreografia di Kenneth MacMillan. Si è scelto così un titolo collaudatissimo dopo il forfait dell’ormai ex direttore Bigonzetti e dell’annunciata sua nuova Coppelia. Molte le coppie che sino al 19 gennaio indosseranno i panni dei protagonisti. Roberto Bolle sempre più affascinante Romeo, ha “aperto le danze” con una nuova partner per il pubblico italiano, l’afroamericana Misty Coppeland, principal dell’American Ballet. Danzatrice vivace ma non lirica è sembrata poco a suo agio nella versione di MacMillan, che pone l’accento soprattutto sugli intensi pas de deux del secondo atto. Non a caso per Alessandra Ferri furono dei veri “cavalli di battaglia”. Ora, al suo rientro sulle scene, li ripresenterà l’ultima notte dell’anno con Herman Cornejo. E se Bolle tornerà sempre con la Copland il 13 e 15 gennaio, altre coppie si alterneranno: il 30 dicembre Marta Romagna con Gabriele Corrado, poi a gennaio, il 5, Claudio Coviello accompagnerà al debutto nel ruolo la giovanissima scaligera Martina Arduino, mentre il 19 Vittoria Valerio sarà la sua Giulietta. Ma vorremmo ricordare l’interpretazione di Mik Zeni come Tebaldo e Nino Sutera come Mercuzio che hanno dato smalto a una coreografia ormai obsoleta nelle parti di gruppo. Ora l’attesa è per Nicoletta Manni e Timofej Adrijashenko che danzeranno per la prima volta in questo titolo il 29 dicembre e il 18 gennaio. Innamorati nella vita e sulla scena, cosa potranno desiderare di più MacMillan e Shakespeare e tutto il pubblico?

Stampa |

Invia a un amico





Invia a un amico

Lascia un commento

xxx