CARNIVORI IN ESTINZIONE


Una settimana all’insegna del rispetto e dell’amore per gli animali quella appena passata. Una settimana all’insegna del rispetto e dell’amore per gli animali quella appena passata.

“Non mangiare niente che abbia gli occhi”, sembra diventare sempre più l’XI Comandamento e non più solo dei vegetariani, dopo aver raccolto attorno a sé tanti proseliti, spesso bersagliati dai carnivori, e aver trasformato molte aziende e i loro bilanci in meglio. Solo la settimana scorsa è giunta la notizia che la Norvegia vieta gli allevamenti da pelliccia, ma anche che la battaglia in Canada contro la caccia alle foche o nel mar del Giappone contro le balene si facciano sempre più vincenti, almeno nell’opinione pubblica. E se dalla Svizzera arriva con il primo marzo il divieto di buttare le aragoste ancora vive in acqua, dalla Liguria ci giunge notizia che una cernia è stata risparmiata da un ristoratore. Era già in padella, ma ancora viva fissava con lo stato d’animo che possiamo immaginare il suo cuoco-esecutore. Ma il cuore umano a volte è tenero e “vegetariano”, quindi la cernia è stata graziata, tolta dalla padella e buttata velocemente in mare, offrendole una seconda chance. Ma solo dopo averla battezzata “Marta”. Attenzione, dunque, carnivori. Siete sulla strada dell’estinzione. Ma tranquilli, potrete sempre finire in un parco protetto. Rimane il dubbio: cosa vi daranno da mangiare?

http://www.ansa.it/liguria/notizie/2018/01/16/cernia-viva-in-teglia-cuoco-si-commuove_1647572d-3dc3-48fd-ac5d-7030026634a0.html

Stampa |

Invia a un amico





Invia a un amico

Lascia un commento

xxx